Anche se possiedono un tale distacco, l’asimmetria delle informazioni che operano contro di loro milita contro scelte razionali e ben informate.

Mi piace particolarmente l’ultima volta sul “togliere il governo dal mercato”. Ecco una selezione: “Altri paesi sviluppati sono giunti a due realizzazioni a cui noi non siamo arrivati. Uno è che è immorale – o nella migliore delle ipotesi, amorale – non fornire assistenza sanitaria a tutti se crediamo che l’assistenza sanitaria di base sia un segno di un paese sviluppato “. “La seconda constatazione è che altri paesi riconoscono che il collettivo – programmi di assicurazione sociale come le casse malattia della Germania, agenzie governative o terze parti che assomigliano molto alle nostre compagnie di assicurazione o di assistenza gestita – non possono fornire tutto per tutti”. “Quando i piani di assistenza gestita, lavorando principalmente come agenti per i datori di lavoro e il governo, cercavano di apportare alcune modifiche necessarie e di fare la cosa giusta, nessuno glielo permetteva. Abbiamo sparato al messaggero. Siamo pessimi nel fare ciò che è necessario nel nostro sistema sanitario. L’assistenza gestita strettamente controllata come prevista negli anni ’90 nel piano di riforma di Clinton non è oggi assistenza gestita. Sono un grande sostenitore di una buona assistenza gestita lungimirante da parte di dirigenti e medici e sostengo sicuramente il ruolo appropriato del mercato e del consumismo. Ma non possiamo perdere di vista l’assistenza basata sulla popolazione e le questioni di politica pubblica che non vengono naturalmente alle organizzazioni di assistenza gestita che devono affrontare pressioni ogni trimestre per realizzare un profitto e mantenere felici gli investitori “. “Entro una o due generazioni, vedremo il lato positivo della tecnologia dell’informazione sanitaria. L’assistenza sanitaria diventerà effettivamente più umana, con più interazione umana e più comunicazione, perché il lato tecnico di ciò che fanno i medici ora sarà gestito dalla scatola elettronica. Cose come capire quali test dovrebbero essere ordinati, quali farmaci dovrebbero essere usati, guardare un ECG e confrontarlo con le prove sarà tutto fatto meglio dai sistemi elettronici, usando algoritmi sviluppati da medici in luoghi come Cleveland Clinic e Johns Hopkins. I medici dovranno essere comunicatori, facilitatori, coordinatori e allenatori. Credo che quel modello favorirà le donne dottore, perché capita che siano migliori in quelle capacità “. “Ogni sistema HIT avanzato che ho studiato – il britannico, Hong Kong, il Kaiser Permanente e il Geisinger Health System negli Stati Uniti – ha un’entità razionale centralizzata che guarda al quadro generale e vede se stessa in questo a lungo termine. ” “Il nostro sistema sanitario è il più costoso al mondo di un fattore due e il più inefficiente probabilmente di un fattore tre.reduslim compresse dimagranti Sì, paghiamo di più i nostri medici e amministratori ei pazienti che ricevono cure ricevono molto di più, ma gran parte della differenza di costo è dovuta agli sprechi.

Abbiamo bisogno di una ricerca clinica del tipo finanziato dai NIH e abbiamo bisogno di una ricerca più operativa basata sulla popolazione. L’Agenzia per la ricerca e la qualità dell’assistenza sanitaria è terribilmente sottofinanziata ora, e una volta che la genomica sarà più pienamente in linea, la ricerca sull’efficacia dei costi diventerà ancora più importante “” Faccio parte del Comitato consultivo di copertura Medicare, un gruppo accademico, e posso dirlo voi che Medicare non ha nulla a che fare con l’autorità di cui ha bisogno. Ci sono molte brave persone in CMS che cercano di fare un buon lavoro, ma le loro mani sono legate dalla legislazione. Nella maggior parte dei casi, non sono autorizzati a esaminare le questioni relative al rapporto costi-benefici “. “D: Chi sta convincendo il Congresso a mantenere lo status quo? WEINER: Produttori di dispositivi, aziende farmaceutiche, tutti e le loro madri. Dio benedica Big Pharma per aver fatto uscire la nuova tecnologia. Potremmo averne tutti bisogno un giorno, ma non tutto funziona allo stesso modo, e certamente non è tutto conveniente. Come società non possiamo pagare tutto per tutti. Questo è assolutamente impossibile e totalmente immorale fintanto che abbiamo 18.000 persone che muoiono all’anno – l’equivalente di cinquanta 747 che scendono – perché mancano di assicurazione sanitaria. Il mio tono e la mia melodia cambieranno una volta che avremo l’assistenza sanitaria di base per tutti. Siamo un paese ricco e possiamo assolutamente permettercelo, purché operiamo entro un budget “. “Quando un giovane dottore o un preside di una scuola di medicina mi dice che in questo paese il mercato fa quello che il mercato dovrebbe fare e il governo dovrebbe tenersene fuori, dico loro che va bene, purché siano disposti a restituire il milione e mezzo dollaro in sussidi federali e statali per ogni medico formato.

Un chirurgo plastico che esercita nel sobborgo più alla moda di qualsiasi città riceve più di un sussidio rispetto al medico di famiglia che esercita in una città interna o in una zona rurale, e non è giusto. Inoltre, il chirurgo plastico può guadagnare mezzo milione di dollari all’anno, mentre il medico del centro città ne guadagna centomila “. Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Policy, Uncategorized “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog / 2006/08/25 / tech-emr-significa-risparmio-dice-pa-doc / “,” 200 “,” OK “,” Nel frattempo questa è una pianta di Misys o dannatamente sensata Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come : Startup “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2007/04/11/policy-bickering -about-sick / “,” 200 “,” OK “,” OK. Il battibecco sul nuovo libro di Jon Cohn Sick è ricominciato al TPMCafe Book Club. Molte cose interessanti, inclusa una di moi. Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Policy, Uncategorized “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog / 2004/01/15 / note-lite-today / “,” 200 “,” OK “,” Viaggio oggi e domani. Potrebbe esserci qualcosa di meraviglioso scritto sull’aereo, potrebbe non esserci. Quindi per favore controlla venerdì, ma non tenerlo contro di me se non vedi nulla fino a lunedì. Grazie. Matthew Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Uncategorized “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/ 2005/11/03 / policy-single-payer-advocate-dibattito-wing-nut / “,” 200 “,” OK “,” Quindi in Fresno Bee un sostenitore del single payer ha un pezzo sensato sul motivo per cui la California dovrebbe adottare single pagatore. Non sono d’accordo: penso che dovremmo avere un sistema a pagamento multiplo, con molte disposizioni che assomigliano a un pagatore unico, ma almeno è un argomento sensato. Opponendosi a questo punto di vista, l’Ape ha un pezzo da un completo pazzoide.

Sembra credere che ci sia qualcosa di terribilmente sbagliato con la posta degli Stati Uniti (quando non c’è) e che tutti i nostri problemi sanitari possano essere risolti rimandando a casa tutti gli immigrati illegali. Sì, l’ha davvero come la sua soluzione numero uno. Chi esattamente raccoglierà il frutto le colture che riforniscono Fresno e la valle centrale con tutto il loro reddito non sono spiegate. Ma la cosa più interessante è il nome del dado ad alette. È “” Michael Der Manouel Jr “”. C’è qualche possibile minima possibilità che qualcuno con il nome “” Der Manouel “” non sia un indiano americano o direttamente dal Mayflower? In caso affermativo, ha la prova che la sua famiglia è immigrata legale? Certo suona come un wetback per me. Forse rimandarlo a “” casa “” (insieme al resto dei suoi fratelli “” conservatori “”) potrebbe essere solo la soluzione alla crisi sanitaria. Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Policy, Uncategorized “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog / 2005/02/02 / technologypolicy-medpundit-on-frists-flight-of-fantasy / “,” 200 “,” OK “,” Over at Medpundit Sydney Smith prende una brutta piega alla visione di Bill Frist per la salute interconnessa dell’IT cura futuro.

E ha torto in uno dei suoi punti da asporto e ha ragione in un altro. Ha torto che l’IT e gli EMR interconnessi non gioveranno ai pazienti. Anche se probabilmente non aiuteranno molto nel caso dell’attacco cardiaco che ha il mitico diabetico nell’esempio di Frist, avranno sicuramente un grande impatto nell’assicurarsi che i diabetici e altri pazienti cronicamente malati ricevano effettivamente le cure di routine e il bullismo di routine di cui hanno bisogno per rimanere più sani. Gli stessi EMR, se vogliamo sospendere l’incredulità e la convinzione che saranno interoperabili e condivisi, informeranno tutti i medici di tutti i farmaci su cui si trova un paziente, in modo che non debbano fare affidamento sulla lista che il paziente anziano ha scritto sul braccio (o semplicemente indovinato!). Ovviamente il beneficio per i pazienti potrebbe non essere un vantaggio per i medici, specialmente quelli in piccoli studi che non hanno realmente la capacità di cambiare i loro processi lavorativi. Ma sicuramente Sydney non è preoccupata da queste preoccupazioni? D’altra parte, Syd ha probabilmente ragione sul fatto che le informazioni perfette sullo stato di salute dell’individuo consentiranno alle compagnie di assicurazione di scegliere i migliori rischi e discriminare i malati. Ovviamente il vero scherzo è che Sydney in passato si è scagliata contro la medicina del governo (cioè qualsiasi cosa a che fare con Kerry) ed è un fermo repubblicano conservatore. Tuttavia, l’unico modo per uscire dall’enigma assicurativo è mettere ogni paziente nella stessa riserva di rischio. E questo è qualcosa che a quanto pare a Sydney non piacerebbe perché si chiama assistenza sanitaria universale obbligatoria. Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Startups “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2005 / 08/29 / pharma-the-industry-veteran-on-what-the-vioxx-verdict-mean / “,” 200 “,” OK “,” Dopo un’assenza troppo lunga, The Industry Veteran è tornato per dircelo qual è veramente il problema in Big Pharma. È che il pensiero a breve termine ha invaso il suo marketing strategico.

Ricordo di essere stato a una riunione nel 1998 in cui Bill Whitely, allora consulente e ora grande formaggio della United Healthcare, avvertì i clienti farmaceutici di diventare così entusiasti di essere aziende di consumo, e penso che il Veterano sarebbe d’accordo. Ecco il tono moderato del veterano (e non sto scherzando questa volta!) Un recente articolo in una newsletter del Regno Unito mi ha fatto riflettere su alcune implicazioni del verdetto Vioxx della scorsa settimana. La newsletter sostiene che il nocciolo dei problemi di Big Pharma è iniziato negli anni ’90, quando il marketing piuttosto che la ricerca ha iniziato a dirigere il corso del settore. Trarrei altre implicazioni dallo scandalo Vioxx. In primo luogo, il malaffare di Merck illustra ampiamente un argomento che ho fatto altrove sul THCB: l’obiettivo di Bush / di destra di un mercato non regolamentato per i prodotti farmaceutici e la maggior parte degli altri aspetti dell’assistenza sanitaria rimane delirante. Contrariamente agli osanna dei veri credenti del mercato, i malati non hanno il tempo o il riposo per fare scelte razionali che massimizzano il profitto.

Anche se possiedono un tale distacco, l’asimmetria delle informazioni che operano contro di loro milita contro scelte razionali e ben informate. Inoltre, i consumatori-pazienti non hanno idea della cascata di servizi o costi che derivano dalla loro scelta, ad esempio, di un medico o di un ospedale. Una seconda lezione di Vioxx è che molte altre parti devono condividere alcune colpe con Merck per aver favorito l’uso promiscuo degli inibitori della COX-2. I medici e le loro società professionali ora proclamano con grande disagio di essere stati indebitamente influenzati a prescrivere eccessivamente i COX da rappresentanti delle vendite farmaceutiche, generosi pacchetti di campioni e articoli pubblicati in modo ingannevole. In effetti, il loro lamento attuale equivale ad ammettere che i medici e le loro organizzazioni non hanno adempiuto alle loro responsabilità professionali. Per anni le società e gli enti statali per le licenze hanno consentito ai medici di completare i loro requisiti di formazione medica continua partecipando a eventi sponsorizzati dall’azienda. I produttori sono stati fin troppo felici di sollevare i medici dalla necessità di pagare il conto per stare al passo con i progressi nelle rispettive discipline. Ora gli stessi medici e i loro complici ipocritamente si lamentano di essere stati influenzati dalle promozioni. Si aspettano onestamente che crediamo o empatizziamo con il loro presunto shock e oltraggio, espresso con tutta la sincerità e l’abilità istrionica dei lottatori del WWF? I contribuenti di terze parti hanno anche contribuito ai 150.000 attacchi di cuore e 50.000 morti di Vioxx.

Queste organizzazioni non sono riuscite a esaminare gli studi COX-2 e hanno inserito quei farmaci nei loro formulari, spesso senza nemmeno il disincentivo di requisiti di co-pagamento più elevati. La loro copertura dei COX-2 non era solo il risultato della deferenza nei confronti delle preferenze dei medici o delle richieste dei consumatori, quanto piuttosto un’accettazione della corruzione. Merck, Pfizer e gli altri produttori offrono sconti competitivi sui loro prodotti, riducendo così i costi dei benefici della farmacia per l’organizzazione pagatrice. In tali casi, i comitati formulativi degli HMO ei loro gestori dei benefici della farmacia ingoiano con entusiasmo le affermazioni del produttore di efficacia e sicurezza Contrariamente all’accusa di marketing da parte di Drug Researcher come colpevole di Vioxx, direi che Merck e altre società Big Pharma hanno praticato scriccatura a breve termine e lo sfruttamento che sono l’esatto opposto del marketing intelligente. Negli ultimi 25 anni l’industria farmaceutica ha goduto di rendimenti straordinariamente elevati su azioni, asset e vendite, spesso i più alti di qualsiasi industria globale. Il pubblico americano ha concesso all’industria i suoi enormi margini a causa di un patto implicito. Gli obblighi dell’industria farmaceutica ai sensi dell’accordo includono quanto segue. (1) L’industria deve sviluppare prodotti che il pubblico percepisca come un miglioramento sostanziale della durata e / o della qualità della vita migliorando, ogni decennio, lo standard di cura in una o un’altra condizione di malattia. Pharma è venuto meno qui. Il numero di nuove entità molecolari che hanno notevolmente migliorato gli standard di cura negli ultimi 10 anni è notevolmente diminuito.

Il paradigma di ricerca della chimica medicinale ha già “raccolto i frutti a bassa pendenza” e il pubblico percepisce correttamente che l’industria utilizza una parte considerevole del proprio budget di ricerca per sviluppare imitazioni estese ai brevetti. (2) L’industria deve promuovere i suoi prodotti in modo moderato , modi professionali. Questo elemento sottovoce dell’accordo è uscito con la spazzatura nell’aprile del 1997, quando i lobbisti dell’industria hanno prevalso sul Congresso per consentire la pubblicità diretta al consumatore su base praticamente illimitata. La moderazione e il rigore scientifico che si addicono a un’industria guidata dalla ricerca congiunta all’establishment medico svanirono presto. Il volto pubblico di Big Pharma non era più esoterico o scoraggiante tecnico in un modo da suscitare rispetto. Invece ha iniziato a pubblicizzare farmaci per il colesterolo con annunci del Dr. Seuss e allenatori di calcio del sud. Gli antidolorifici sono stati promossi da campioni di pattinaggio sul ghiaccio e affascinanti modelle di mezza età che praticano tai chi nel parco.

Il pubblico può sopportare tale fantasia e iperbole quando si tratta di bevande analcoliche o automobili che vendono bei tempi e sesso sulle caratteristiche intrinseche di quei prodotti. Quando la Pharma si è abbassata allo stesso minimo comune denominatore, tuttavia, la sua immagine esaltata è scomparsa con le bottiglie vuote di Pepsi. (3) L’industria non deve valutare i suoi prodotti oltre la portata dei suoi clienti principali: gli anziani. Il gruppo di pressione di Pharma, il PhRMA, e i suoi lacchè nei media (ad esempio, il Philadelphia Inquirer) sostengono ancora fermamente che gli americani devono pagare il doppio e il triplo dei prezzi pagati dagli europei e da altri per finanziare ulteriori ricerche. Per un po ‘questo argomento ha mantenuto la trazione, ma il pubblico ora sa che Pharma spende molto di più in SGA che in ricerca, mentre il compenso totale dei top manager va da $ 30 milioni a $ 50 milioni all’anno.